Chewbacca

Cinque anni della vita di questo golden retriever sprecati in un piccolo recinto fangoso

La Humane Society International chiuderà il suo 15° allevamento di carne di cane in Corea del Sud. I volontari sono riusciti a salvare 2000 cani innocenti da questa orribile pratica molto diffusa nei paesi asiatici. Tra questi c’era anche una bellissimo golden retriever di nome Chewbacca.

Una realtà davvero difficile da accettare per chi ama gli animali. I soccorritori hanno trovato i cani in pessime condizioni. Rinchiusi in gabbie metalliche prive di acqua e di cibo adeguato.

Alcuni di loro erano tenuti accanto alla zona di macellazione. Questo a dimostrare i traumi subiti dai cani e le paure a loro inflitte. Tra questi cani da allevamento c’era Chewbacca, un esemplare di Golden Retriever. Il cane era costretto a vivere in un recinto pieno di fango per i primi 5 anni della sua vita.

Chewbacca golden retriever

Chewbacca viveva in una situazione molto precaria, malnutrita, in mezzo al fango, chiusa in una gabbia metallica in mezzo ai suoi bisogni. Quello stallo aveva impedito alla povera Chewbacca di ricevere stimoli fisici o mentali nel corso degli anni.

Nonostante ciò, dopo 5 anni vissuti nell’inferno, anche se non era nel pieno della forma, alla vista degli operatori della Humane Society International si è fatta trovare pronta ed ha mostrato loro tutta la sua felicità.

Nella sfortuna della sua situazione era stata comunque fortunata perchè non faceva ancora parte del gruppo dei cani soppressi destinati alla macellazione.

Fortunatamente i membri della Humane Society International, almeno per lei, sono arrivati in tempo evitando il peggio, e salvandola da un atroce destino.

Chewbacca adesso è uscita da questo incubo, è stata adottata da una famiglia che si prende cura di lei, in una casa accogliente. Da persone con un cuore grande che gli daranno tutto l’amore necessario a dimenticare i 5 anni sprecati in un piccolo recinto fangoso.

LEGGI ANCHE Perché Labrador e Golden Retriever sono tra i cani più amati raccontato in 18 foto

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network: