Dolcissimo cucciolo gioca sul divano con un peluche tra le gambe

Dolcissimo cucciolo gioca sul divano con un peluche tra le gambe

Questo tenerissimo cucciolo color miele di razza Golden Retriever non si sarebbe mai immaginato di diventare famoso in tutto il mondo.

Dopo che il suo proprietario ha pubblicato un video che lo ritrae su Twitter, è diventato una star del web. L’obiettivo del suo papà umano in realtà era quello di farlo vedere ai suoi amici, perché secondo lui era molto tenera al scena. Non si aspettava assolutamente di ricevere tutte quelle interazioni.

Dolcissimo cucciolo gioca sul divano con un peluche tra le gambe

Però, come spesso accade quando i protagonisti sono i nostri amici a quattro zampe, il video è diventato virale e in pochissimo tempo ha fatto il giro del web. Le condivisioni sono state tantissime, così come anche i likes che hanno superato i 100 mila e i commenti dolci e pieni d’amore.

Si vede il cucciolo che sta beatamente sul suo divano, a pancia in aria, a giocare con il suo peluche preferito. Lo stringe tra le zampe davanti come se fosse un bambolotto, lo guarda e lo avvicina alla sua bocca per riempirlo di baci.

Quel peluche, a detta del suo umano, è il suo giocattolo preferito. Lo tratta come se fosse un amico e non lo abbandona mai: gioca con lui, lo coccola, dorme con lui e lo porta anche vicino alla sua ciotola quando deve mangiare.

Il cane si chiama Teddy e il video è stato fatto completamente a sua insaputa, non si era accorto che il suo umano era nella stanza. La dolcezza e la tenerezza che dimostra nei confronti del peluche rispecchia esattamente il suo carattere.

Infatti, i Golden Retriever sono tipicamente una delle razze più tranquille, amorevoli e pazienti. Tanto che sono utilizzati anche per attività come Pet-Teraphy o salvataggi. Il piccolo Teddy, a quanto pare, ne incarna perfettamente i tratti tipici.

LEGGI ANCHE: La gattina randagia non si arrende e rimane accanto al suo cucciolo disabile

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network: